mercoledì 7 giugno 2017

Border Nights - puntata 239 (Carpeoro, Stefano Mayorca, Riccardo Mandelli)


Si parte con il tradizionale collegamento con l’Associazione Realtà allo Specchio che questa settimana ci propone una inedita conferenza di Carpeoro: "L’iniziazione: storia, percorso, ritualità, ordini iniziatici".
Nella seconda parte il gradito ritorno di Stefano Mayorca, uno scrittore tra i più prolifici e preparati in ambito esoterico, autore del libro “Alchimia Sexualis. Riti e misteri della magia sessuale”.
Stefania intervista Riccardo Mandelli. Dagli inizi del '900 la città di Sanremo è stata scelta come crocevia di interessi politici ed economici, che ruotano intorno al suo Casinò. C'è un intreccio tra massoneria, gioco d'azzardo, esoterismo, affari, spionaggio, che comprende anche l'omicidio di Giacomo Matteotti e il Festival di Sanremo. Ne parliamo con lo scrittore e ricercatore Riccardo Mandelli, autore di vari libri storici sul tema.
A completare la puntata la ruota libera con Paolo Franceschetti, l’angolo di Barbara Marchand ed il Maestro di Dietrologia.

http://www.spreaker.com/user/bordernights/border-nights239



2 commenti:

Anonimo ha detto...

sulle Religioni di cui parla Paolo Franceschetti, il Problema è [quando] l'Impedimento a riflettere e ragionare et, l'Obbligo a ripetere quel che sta scritto sui Libri, ben compresi o meno sembra indifferente, e specialmente, il Problema è quando diffondono l'Etnicismo in loro favore, il quale poi, avversano se praticato contro il loro Gruppo [di Maggioranza o di Minoranza, è qui irrilevante]: e su ciò bisogna discutere [laddove i Rappresentanti religiosi invece, direbbero di essere contrari e appunto, direbbero di seguire i Dettami e le Parole scritte invece di discutere, cfr. Dialogo platonico] <- fatico a comprendere se è per Sincerità [spirituale] o per Interesse [economico, mondano], ma un Parametro da utilizzare che trova apparentemente Concordanza fra tutte le Religioni e le Politiche è ''augura al prossimo quel che auguri a te'' o ''non augurare mai al prossimo ciò che non auguri mai a te'' [facile da dire ma complesso da agire: ciò necessita di Coscienza sfavillante, e Mente, Psiche e Corpo coinvolti, allineati]. Bene dentro più Forza fuori a tutti.

Anonimo ha detto...

le donne masone-e femminismo attuale, quello non detto,
avanguardie, gia del passato, come mai il maestro no ne parla^??

Come mai non ne parli, caro, maestro paolo?? chi sta distrugendo la societa dall interno e la femminista. d assalto??
vedi

https://books.google.it/books?id=OTuOMAEACAAJ&dq=gurdjieff&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwjS8onS07PUAhXBthoKHaTSCIMQ6AEITzAG

Gurdjieff e le donne del gruppo della Cordata

Copertina anteriore
William Patrick Patterson
La Tartaruga (Milano), 2012 - 375 pagine
0 Recensioni

All'inizio degli anni Trenta, Gurdjieff formò un gruppo speciale di cercatori spirituali, costituito da sole donne, tutte lesbiche tranne una. Gurdjieff era sempre stato riservato circa l'omosessualità, e il perché avesse preso questa decisione, soprattutto nel periodo in cui aveva abbandonato l'insegnamento per dedicarsi alla scrittura, resta tra le scelte più enigmatiche di questo personaggio. Il gruppo, chiamato "La Cordata", perché tutti i membri dovevano aiutarsi come gli scalatori in montagna, era composto da donne talentuose, dall'intelligenza fuori dal comune, artiste e intellettuali. Tra loro, Jane Heap e Margaret Anderson, fondatrici della rivista "Little Review", Kathryn Hulme, autrice del libro Storia di una monaca; Solita Solano, scrittrice, editrice e compagna di Janet Flanner, nei cui appunti si trovano informazioni sul metodo e sulla personalità di Gurdjieff, nonché i dialoghi avvenuti durante i pranzi e le cene con il maestro fino al 1939; Georgette Leblanc, attrice, amante e ispiratrice di Maeterlinck e intima amica di Jean Cocteau, e Dorothy Benjamin, vedova di Enrico Caruso. Attratto dal mistero avvolto attorno a questo gruppo, l'autore ha meticolosamente raccolto materiali archiviati nelle biblioteche statunitensi: scritti, giornali, corrispondenze, diari, e foto qui contenute in un inserto. Emergono ritratti femminili unici e affascinanti, ma soprattutto la profondità, l'originalità e la tenerezza con cui Gurdjieff si adoperò per risvegliare la loro anima e il loro intelletto.